Ministero per i Beni e le attività culturali, Soprintendenza Archeologica di Roma
  Parole di pietra
La vita dell'antica Roma raccontata dalle epigrafi della via Appia

Home | Mappa del sito | Itinerario Virtuale |Storia | Archeologia | Vita Quotidiana| Religione | Immagini | Siti consigliati

Itinerario virtuale tra le epigrafi.
Elenco delle epigrafi

Modalità di fruizione:

Guida alla lettura

CIL

Guida al sistema GIS

Mappa interattiva e ricerca di epigrafi

Elenco delle Epigrafi
 

Secondo Miglio

Aphrodisius

Alexander


Aucta

Tyrannus e Isochrysus


Heracla

Zeuxis


Terzo Miglio


Hector

Cecilia Metella

Quintus Granius Labeo

Titus Crustidius Briso


Quarto Miglio


Publius Cornelius Antiochus

Barbarianos

Flora

Lucius Gresius Rufus

Lucius Licinius Philero

Marcus Papinius Zibax

Pampilus

Lucius Popeius Babba

Marcus Servilius Quartus


Quinto Miglio


Pompeia Eleutheris

Sextus Avonius Faustus

Gaios Pleinios Eutychos

Tiberius Claudius Secundinus

Tiberius Claudius Secundus

Flavia Irene

Caius Rabirius Hermodorus

Paris

Lucius Valerius Giddo

Publius Cacurius Philocles

Lucius Valerius Baricha

Titus Fidiclanius Apella

Chrestus

Lucius Arellius Diophantus


Sesto Miglio

Aurelia Macarianes

Supsifana Nice

Publius Sergius Demetrius

Crispina

Cotta


Settimo Miglio

Caius Ateilius Euhodus


Ottavo Miglio

Caius Vaberius Syneros

Aelia Primigenia

Marcus Pompeius Maius

Publius Cacurius Philocles

Titolo

Blocco appartenente al monumento sepolcrale di Publio Cacurio Filocle

Definizione

Blocco di travertino con iscrizione funeraria, mutilo nella parte superiore e ribassato in quella inferiore, scheggiato in più punti. Di provenienza incerta, forse è stato rinvenuto sulla via Appia all’altezza di Porta Capena. Si conserva attualmente poco dopo il quadrivio formato con le vie Erode Attico e Tor Carbone, sul lato sinistro della via Appia.

Misure

Altezza cm 60; lunghezza cm 109; spessore cm 35.

Iscrizione

[P(?)] Cacurius P(ubli) l(ibertus)
Philocles ab
ara marmorea
[C]acuria P(ubli) l(iberti) Calliopa
Maelia Ge Cacuri r[- - -]

Traduzione

(Publio?) Cacurio Filocle, liberto di Publio, dall’ara marmorea; Cacuria Calliopa, liberta di Publio; Melia Terra, di Cacurio r (ha curato la risistemazione del sepolcro?).

Commento

L’iscrizione ricorda due liberti di un Publio Cacurio. Si tratta di Cacurio Filocle, che quasi certamente, in base alle norme che regolano la trasmissione dei nomi tra patrono e liberto, aveva come prenome Publio, qui scomparso nella caduta della pietra, e Cacuria Calliopa. Non si può tuttavia escludere che la donna fosse liberta di Filocle, il quale, infatti, una volta affrancato dal suo dominus, avrebbe potuto a sua volta disporre di schiavi e liberarli. La possibilità che fosse anche compagna di vita può essere più dubbia per la presenza, nell’iscrizione, di un’altra donna, Melia Terra, forse lei coniuge di Filocle che si è presa cura di far risistemare il monumento funerario come parrebbe suggerire la lettera R, forse una sigla per indicare verbi come refecit, restituit. Ma nella parte finale dell’iscrizione permangono dubbi causati dalla mutilazione della pietra.

Il testo dell’iscrizione contiene un’importante indicazione topografica: Cacurio Filocle lavorava in una zona della città definita ab ara marmorea (cioè presso l’ara marmorea), forse un’area centrale di Roma, sede di attività commerciali ed artigianali. A questo luogo si fa riferimento in altre tre iscrizioni, una delle quali rinvenuta anch’essa sulla via Appia presso Porta Capena. Anch’esse però, non forniscono dati più precisi circa l’esatta ubicazione di questa ara marmorea.

Da parte di alcuni studiosi è stato ipotizzato che tale denominazione fosse un nome popolare per designare l’Ara Pacis, il grande altare dedicato a Roma nel 9 a.C. dopo le vittorie di Augusto in Spagna e Gallia, ad auspicio della pacificazione dell’impero. Tuttavia, in considerazione che, almeno nel caso di questa iscrizione, databile ancora in età cesariana (intorno alla metà del I sec. a.C.), la citazione sarebbe precedente all’edificazione dell’Ara Pacis, si è invece ritenuto che essa indicasse un altro altare, che tuttavia rimane sconosciuto. Si potrebbe trattare allora della prima ara edificata in marmo, elemento che la distingueva dalla maggior parte della coeva edilizia in travertino, tanto da meritare tale definizione, usata anche negli anni in cui l’uso del marmo era diventato abituale.

CIL, VI, 10020

Inventario della Soprintendenza Archeologica di Roma 402543.

Scheda di approfondimento