Un sopralluogo al Grande Criptoportico e il racconto di Vasari

Dopo diversi mesi di lavoro da parte di un gruppo di restauratori sta per concludersi l’intervento di messa in sicurezza degli apparati decorativi del  Grande Criptoportico che delimita a Nord il settore orientale della Domus.

Il Grande Criptoportico, amb. 92 - Archivio SSBAR

Il Grande Criptoportico, amb. 92 – Archivio SSBAR

Particolare delle pitture del Grande Criptoportico - Archivio SSBAR

Particolare delle pitture del Grande Criptoportico – Archivio SSBAR

L’altro giorno mi sono recata sui ponteggi per controllare l’avanzamento dei lavori  e verificare alcuni problemi conservativi della volta.

Particolare delle pitture del Grande Criptoportico - Archivio SSBAR

Particolare delle pitture del Grande Criptoportico – Archivio SSBAR

Via via che salivo  (si raggiungono  m 12 sotto la volta) mi trovavo a tu per tu con particolari delle pitture e ho scattato alcune fotografie. Non sono di altissima qualità, ma vanno considerate come riflesso di ciò che i miei occhi hanno velocemente catturato. Ho pensato, in quei momenti, al grande privilegio di trovarmi nella stessa situazione degli artisti del Cinquecento che scoprivano le pitture della Domus Aurea scendendo dall’alto. Mi sono fermata a guardare i dettagli e i bellissimi colori, distraendomi per un attimo dal sopralluogo che stavo facendo.

Particolare delle pitture del Grande Criptoportico - Archivio SSBAR

Particolare delle pitture del Grande Criptoportico – Archivio SSBAR

Riporto qui di seguito quanto scrisse, alla metà del XVI secolo Giorgio Vasari nella sua famosa opera Le vite de’ più eccellenti pittori….descrivendo la visita alla Domus Aurea di Giovanni da Udine con Raffaello intorno al 1509: “…furono trovate alcune stanze sottoterra, ricoperte tutte, e piene di grotteschine, di figure piccole e di storie, con alcuni ornamenti di stucchi bassi. Perchè andando Giovanni con Raffaello, che fu menato a vederle, restarono l’uno e l’altro stupefatti della freschezza, bellezza e bontà di quele opere, parendo loro gran cosa ch’elle si fussero sì lungo tempo conservate: ma non era gran fatto, non essendo state tocche. Nè vedute dall’aria, la quale col tempo suole consumare, mediante la varietà delle stagioni, ogni cosa” .

Ponteggi nel Grande Criptoportico - Archivio SSBAR

Ponteggi nel Grande Criptoportico – Archivio SSBAR

Sono passati quasi cinque secoli da quella visita e la Domus, pur con molti problemi, è ancora lì con tutta la forza del suo fascino storico e culturale. Vasari condensa in poche parole finali quella che contnua ad essere la problematica conservativa di questo monumento: la necessità di stabilizzare temperatura e umidità, isolandola il più possibile dalle variazioni del clima esterno. A questo stiamo lavorando con grande impegno.

Tag: , , .
Aggiungi il permalink ai segnalibri.

L'autrice

Fedora Filippi

Fedora Filippi

Direttrice scientifica della Domus Aurea dal 2009. Archeologa Coordinatrice in servizio presso il MiBAC dal 1980. E' responsabile inoltre della tutela del Campo Marzio occidentale e di Trastevere. E' Coordinatrice per la tutela del patrimonio archeologico del Centro Storico di Roma. Dirige l'Archivio storico della SSBAR. Esperta, in particolare, di Archeologia urbana ha curato numerose pubblicazioni scientifiche soprattutto nell'ambito dell' Archeologia romana.

2 commenti

  1. Generally I don’t learn article on blogs, however I would like
    to say that this write-up very pressured me to try and do so!
    Your writing style has been amazed me. Thank you, quite great article.

    Review my page :: view it now

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>