Enrico Del Fiacco

L'autore: Enrico Del Fiacco

Architetto, dopo i primi anni di esperienza progettuale per il gruppo ENI (Algeria, Angola, Giordania) dalla fine degli anni ‘70 opera nel campo del restauro del patrimonio archeologico e architettonico collaborando con il MIBAC e altre Amministrazioni pubbliche. Tra le principali realizzazioni si segnalano la nuova sistemazione dell’area esterna “Gismondiana” di approccio agli scavi di Ostia Antica; il restauro del Casale  Torlonia e dei Magazzini Severiani nel porto Di Claudio e Traiano; l’allestimento del Museo delle Navi di Fiumicino; il progetto dell’Infrastruttura Museale di Ostia Antica; il progetto del nuovo Parco Archeologico dell’Isola Sacra (ONC); l’allestimento del Museo delle Navi di Nemi; il restauro delle Terme Taurine di Civitavecchia; altri interventi in area monumentale e archeologica in area Romana, Ostiense, Laziale e dell’Etruria Meridionale. Architect, after a few years of design experience for the ENI group (Algeria, Angola, Jordan), he has worked since the late 1970s in the field of archaeological and architectural heritage conservation, collaborating with MiBAC (the Italian Ministry for Cultural Heritage and Activities) and other public institutions. Major projects include the new arrangement of the external “Gismondiana” area of the Ostia Antica archaeological site; the conservation of Casale Torlonia and the Severan warehouses at the Port of Claudius and Trajan; the displays for the Museo delle Navi at Fiumicino; the project for the museum infrastructure at Ostia Antica; the project for the new Isola Sacra Archaeological Park; the displays at the Museo delle Navi di Nemi; the conservation of the Taurine Baths at Civitavecchia; other projects for monuments and archaeological sites in Rome, Ostia, Lazio and southern Etruria.

Il consolidamento delle strutture nel quartiere occidentale: angolo nord-ovest

Ricostruzione delle geometrie originali della volta-Archivio SSBAR

I restauri da realizzare nel quartiere occidentale, in particolare, nell’angolo nord-ovest della Domus Aurea, sono impostati per affrontare i due temi principali di intervento sul monumento:

  • il consolidamento delle strutture
  • il confinamento generale dell’area, allo scopo di minimizzare gli scambi termici con l’esterno e quindi proteggere e stabilizzare termicamente gli strati superficiali delle pitture ad affresco,  che decorano la gran parte delle sale della Domus.

Continua a leggere