Fedora Filippi

L'autrice: Fedora Filippi

Direttrice scientifica della Domus Aurea dal 2009. Archeologa Coordinatrice in servizio presso il MiBAC dal 1980. E' responsabile inoltre della tutela del Campo Marzio occidentale e di Trastevere. E' Coordinatrice per la tutela del patrimonio archeologico del Centro Storico di Roma. Dirige l'Archivio storico della SSBAR. Esperta, in particolare, di Archeologia urbana ha curato numerose pubblicazioni scientifiche soprattutto nell'ambito dell' Archeologia romana. Scientific director of the Domus Aurea from 2009. Archaeologist and coordinator at MiBAC (the Italian Ministry for Cultural Heritage and Activities) from 1980. She is also responsible for the safeguard of the western Campus Martius and Trastevere. Coordinator for the safeguard of archaeological heritage in Rome’s Historic Centre. Director of the SSBAR historical archive. An expert in particular on urban archaeology, she has edited numerous academic publications, especially in the field of Roman archaeology.

Un aggiornamento sui lavori e i programmi

In primo piano

LOGO ARTICOLO

Dopo la Conferenza stampa dello scorso 18 giugno 2014 nella quale e’ stato presentato il Progetto definitivo per il nuovo giardino soprastante la Domus Aurea, e’ proseguito il Cantiere Pilota per la realizzazione del primo dei 22 bacini previsti dal Sistema integrato di protezione.

L’esperienza vissuta piu’ volte in questi ultimi anni relativa agli effetti negativi delle piogge torrenziali che si sono abbattute su Roma e, in particolare, le difficolta’ che ha provocato al buon andamento dei lavori interni l’ultima “bomba d’acqua” dello scorso febbraio che ci ha obbligato ad una sospensione dei cantieri per motivi di sicurezza, ci hanno condotto alla decisione di mettere in opera un “Tappeto drenante provvisorio“, che e’ stato progettato da Vincenzo Angeloro, l’ingegnere idraulico nel Gruppo di progettazione del grande “Progetto Domus Aurea” con la collaborazione del nostro staff (in particolare di Maurizio Pesce, Coordinatore tecnico del monumento. Questo intervento ha lo scopo di mettere la Domus al riparo da eventi meteorici gravi in una fase cosi’ delicata dell’attuazione del suo consolidamento, in considerazione dei lunghi tempi (minimo 4 anni) che si dovranno attendere per il progetto definitivo.

Durante il periodo delle ferie estive abbiamo cercato di proteggere  l’area dagli accampamenti ne lgiardino soprastante di persone senza fissa dimora, con una attivita’ di vigilanza notturna, ma la situazione, nonostante i tanti sgomberi attuati dalle forze dell’ordine e la continua manutenzione della recinzione che viene ogni sera tagliata, non e’ migliorata alla ripresa dei lavori.  Confidiamo molto che con la realizzazione della nuova recinzione e l’estensione dei lavori su tutta la superficie del giardino, la situazione possa definitivamente migliorare.

Intanto stanno continuando i lavori interni – in particolare il consolidamento strutturale del settore occidentale cd. ex Casermette e della Galleria di accesso 18. E’ stato avviata la messa in sicurezza dell’apparato decorativo dell’Ambiente 116, uno dei pochi completamente conservato anche nel pavimento a mosaico.

E’ in corso, inoltre,  la progettazione di nuovi interventi che andranno in appalto entro la fine dell’anno, predisponendo cosi’ l’attivita’ per l’anno prossimo.  Aggiorniamo inoltre lo stato dei lavori e la situazione della spesa.

A proposito dei no delle Soprintendenze

In primo piano

Sento la necessità di intervenire nella discussione che si è aperta dopo l’articolo di Valentini “Tutti i no delle Soprintendenze…” (qui e qui) uscito su La Repubblica di domenica scorsa, ma non per una difesa corporativa, né per sostenere le ragioni della tutela e della sua storia in Italia, ciò che hanno già fatto altri ben più autorevoli e competenti di me.

Continua a leggere

Aggiornamento 2 maggio 2013

immagine in evidenza

Il lavoro all’interno del monumento ha subito nel mese di aprile una battuta d’arresto determinata delle piogge molto intense e prolungate che hanno obbligato ad una sospensione delle attività di consolidamento sia strutturale che delle superfici decorate.

L’elevatissimo grado di umidità e l’estensione di fenomeni di percolamento all’interno, non permettevano di operare efficacemente e rendevano inoltre più difficile la permanenza per lunghi periodi delle maestranze, dei tecnici e dei restauratori all’interno degli ambienti.

Continua a leggere

Primavera alla Domus Aurea

Senza titolo-1

Dopo le piogge, quest’anno molto intense e lunghe, è tornata la primavera anche alla Domus Aurea. I restauratori e gli archeologi possono tornare a fare la loro sosta tra le 12 e le 13 nel giardino antistante il monumento, riscaldandosi prima di rientrare. In questo periodo la differenza di temperatura e di umidità tra fuori e dentro si sente molto. Si può dire che all’interno sia ancora inverno.

Continua a leggere

Aggiornamento al 7 marzo 2013

trasduttore per blog

Nell’ultimo periodo siamo stati molto impegnati ad organizzare i nuovi lavori. Soprattutto a preparare i progetti per impegnare i fondi ancora disponibili; le procedure previste dal Codice dei Contratti Pubblici, sia per gli incarichi diretti sotto soglia, sia per le gare, sono piuttosto articolate ed esigono il rispetto di fasi e di tempi ben precisi. Quindi il periodo che passa tra la predisposizione di un progetto e l’avvio dei lavori è relativamente lungo.

Continua a leggere

Riunione del Gruppo di lavoro del 23 gennaio 2013

evidenza

Mercoledì 23 gennaio ci siamo riuniti presso la Domus, pioveva molto e questo ci preoccupa sempre per le infiltrazioni all’interno e per la sicurezza dei lavoratori. Per fortuna nella tarda mattinata il cielo si è riaperto e il sole è ritornato. Nella prima parte della mattinata la riunione ha riguardato l’avanzamento del progetto per il nuovo assetto dell’area a giardino soprastante il monumento.

Continua a leggere