La Soprintendenza rafforza il suo ruolo su Roma antica

Foro Romano, Tempio di Romolo

In un periodo di grandi cambiamenti per la gestione pubblica dei Beni Culturali, la Soprintendenza rafforza il suo ruolo nelle aree di Roma dove più forte è la presenza di testimonianze archeologiche. Oltre a mantenere tutti i suoi maggiori complessi monumentali, la Soprintendenza acquisirà competenze esclusive per la tutela in diverse zone della città, con il compito di unificare il tessuto urbanistico moderno, storico e archeologico in chiave innovativa. La separazione tra musei e tutela è un aspetto forse doloroso, ma caratterizzante della riforma promossa dal ministro Dario Franceschini, che apre tuttavia a nuove prospettive e a un ruolo più incisivo del Ministero nella gestione dei luoghi della cultura aperti al pubblico.

Data e ora: 
Mercoledì, 20 Gennaio, 2016
AllegatoDimensione
Comunicato stampa52.48 KB